Home   News   Enti   Comunità Montane   Comuni   Eventi   Pubblicazioni   Rassegna Stampa   WebTV   Partners 
 

17° EDIZIONE CELTICA 2013

CELTICA Valle d’Aosta – 17ª edizione Festa Internazionale di Musica, Arte e Cultura Celtica 5-6-7 luglio 2013 UNA FESTA DI MUSICA, ARTE E CULTURA CELTICA CELTICA Valle d’Aosta è una festa nata nel 1997 da un’idea dell’Associazione Culturale “Clan Mor Arth - Clan della Grande Orsa”. L’idea alla base della manifestazione è l’organizzazione di un evento culturale multidisciplinare inserito in un magnifico contesto storico e naturale che esprima attraverso l’arte, la musica e le ricostruzioni storiche, i principi caratterizzanti la cultura celtica ovvero la libertà dell’individuo, l’importanza della famiglia, del clan, del gruppo, della tribù e della gens di appartenenza. CELTICA Valle d’Aosta porta nel suo sottotitolo, fin dalla prima edizione, la dicitura di “Festa Internazionale di Musica, Arte e Cultura Celtica”. L’amore dei Celti per la Natura, il loro profondo legame e rispetto per il territorio e per le sue risorse, la loro sensibile relazione con boschi, laghi, fiumi, campi, fenomeni atmosferici e montagne, la considerazione dell’arte, della cultura e della spiritualità come strumento di espressione e sviluppo dell’individuo e della società nella quale vivevano, oltre alla storia comune di gran parte dell’Europa, sono gli elementi che la società Celtic Trade sas e l’Associazione “Clan della Grande Orsa” hanno scelto come linee guide entro le quali organizzare CELTICA Valle d’Aosta. L’Europa dell’epoca celtica, oltre 2.000 anni fa, era coperta da fitti boschi e bagnata da innumerevoli fiumi, torrenti, laghi e paludi. I Celti, stanziati in prevalenza nei territori che oggi conosciamo come Repubbliche Ceca e Slovacca, Austria, Germania Meridionale, Svizzera, Romania, Belgio, Francia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Spagna, Portogallo, Irlanda, Galles, Scozia, Inghilterra, ma anche Turchia e Italia Settentrionale (fino ad Ancona), vivevano suddivisi in tribù sparse e indipendenti le une dalle altre, che diedero vita alla “Prima Europa” basata sull’idea di unità nella diversità condividendo in parte la lingua e sicuramente la cultura e la spiritualità. Queste popolazioni diffusero una vivace cultura che poneva l’individuo, la sua libertà e i suoi talenti al centro e al servizio della società e riconosceva l’importanza della famiglia, del clan, del gruppo, della tribù e della gens di appartenenza. La storia ha pressoché cancellato la cultura celtica, ma essa è sopravvissuta nei simboli, nei valori e nelle leggende medievali e nel folklore delle popolazioni dell’Europa. Nelle valli più nascoste delle Alpi e nei paesi di confine continentale dell’Europa Occidentale (Scozia, Galles, Irlanda, Bretagna e Galizia) le tradizioni celtiche si sono instillate nel Cristianesimo per sopravvivere sotto forma di religioni e tradizioni popolari ed emigrare quindi con le grandi ondate del XVIII e XIX secolo nelle Americhe, in Canada, Australia e Nuova Zelanda. Oggi la cultura celtica interessa milioni di persone in tutto il mondo, differenti per età e interessi, provenienti da paesi diversi che si riuniscono attorno alla musica, ai costumi, ai simboli e si incontrano nelle danze collettive durante le manifestazioni come CELTICA in Valle d’Aosta. LOCATION COURMAYEUR e il BOSCO DEL PEUTEREY in Val Veny, ai piedi del Monte Bianco a 1.507 mt di quota, rappresentano il fulcro centrale di Celtica. Il Monte Bianco, la più alta montagna d’Europa, rappresenta una sorta di ‘Montagna Sacra’ per l’immaginario europeo e un punto di riferimento sul quale poter catalizzare la fantasia, il mito, la storia, lo sport, la Natura, il tempo libero, lo svago, la riflessione e la contemplazione della bellezza. Luogo bellissimo e suggestivo che presenta caratteristiche uniche in Valle d’Aosta: • un’estesa area pianeggiante all’interno di un territorio vallivo e montano; • uno spazio sufficiente a ospitare migliaia di persone contemporaneamente; • una miscela armonica di zone al riparo fra gli alberi e prati all’aperto per godere di sole e ombra nella giusta misura; • uno scenario mozzafiato per qualsiasi spettacolo proposto e previsto in armonia con la Natura come quelli legati alla cultura celtica; • una facile raggiungibilità dalle strutture alberghiere e dai servizi di Courmayeur; • una disponibilità di campeggi nelle immediate vicinanze • un accesso riservato tramite una strada sterrata che obblighi il partecipante a immergersi fin da subito in una filosofia di fruizione della Natura vicina ai suoi ritmi e forze. Vari eventi collaterali vengono realizzati in altri luoghi valdostani strategici dal punto di vista storico-culturale quali Pré-Saint-Didier, La Thuile, Morgex e Bard. COURMAYEUR, Situata ai piedi del massiccio del Monte Bianco, nel punto d’incontro tra Italia, Francia e Svizzera, Courmayeur (1224 msl) è l’essenza delle Alpi. È la più antica stazione alpina della Valle d’Aosta e sede della prima società italiana delle guide alpine. Con la sua vocazione internazionale e una radicata identità alpina, Courmayeur è un luogo di incontri e di contrasti. I panorami spettacolari del versante sud del Monte Bianco fanno da sfondo ai paesaggi intimi e accoglienti delle vallate frutto di una cultura alpina secolare attenta al proprio ambiente e dedicata ad accogliere al meglio tutti coloro che amano la montagna. LA THUILE, adagiata su un‘ampia conca a 1441 metri d’altitudine, in un‘area contornata da fitte foreste, La Thuile è dominata dall‘imponente presenza di alte montagne ed estesi ghiacciai. Partendo da La Thuile, è possibile salire al vicino Colle del Piccolo San Bernardo dove si può osservare un curioso recinto fatto di pietre: si tratta del “Cromlech”, monumento megalitico che risale all‘età del ferro. Nella zona sono inoltre visibili i resti di due “Mansiones” dell‘epoca romana, che ne testimoniano l’importanza come tappa sulla via delle Gallie. Durante il perido estivo La Thuile è punto di partenza per le ascensioni al ghiacciaio del Rutor, le più facili escursioni nella zona del lago d‘Arpy, ai laghi del Rutor e al bel pianoro di Joux. MORGEX, distesa in un ampio spazio pianeggiante a 923 metri di altitudine, dal quale la coltivazione di vigneti si spinge fino ai 1200 metri di quota per ottenere il famoso vino D.O.C. “Blanc de Morgex et de La Salle”, soprannominato “il vino più alto d‘Europa“. Da sempre cuore della Valdigne, Morgex tiene a portata di mano, nel raggio di una manciata di chilometri, la catena del Monte Bianco, Courmayeur e La Thuile ed i laghi alpini di Arpy e Pietra Rossa e Licony. BARD, Il Forte di Bard, rimasto pressoché intatto dal momento della sua costruzione, rappresenta uno dei migliori esempi di fortezza di sbarramento di primo Ottocento. La piazzaforte è costituita da tre principali corpi di fabbrica, posti a diversi livelli, tra i 400 e i 467 metri, per un totale di 283 locali. Il Forte è servito da una strada esterna, sul lato sud, che permette di accedere al cortile superiore, e da una strada interna che, con stretti tornanti sorretti da possenti muraglioni, risale il pendio opposto rivolto a nord. Entrambi i percorsi sono pedonali. La sommità della rocca e quindi della fortezza è facilmente raggiungibile grazie ad avveniristici ascensori panoramici che dal borgo di Bard, ai piedi del Forte, consentono l'accesso ai vari livelli del forte. ECQUE Nel marzo 2011 a CELTICA Valle d’Aosta è stata assegnata la presidenza della confederazione ECQUE (European Celtic Quality Events), consorzio di 7 festival celtici di qualità (Triskell-Friuli Venezia Giulia, Magia Celtica-Trentino, BustoFolk-Lombardia, Celtival-Veneto, Novaria-Piemonte, Celtica Valle d’Aosta e La Tène-Neuchatel in Svizzera). PANORAMICA GENERALE SUL PROGRAMMA VENERDÌ 5 LUGLIO MORGEX La giornata di Venerdì 5 Luglio inizierà sulle sponde di un lago glaciale a 1858 metri di altitudine sovrastato dall’imponente catena del Monte Bianco, con gli stambecchi che brucano nei prati circostanti e nell’aria il dolce suono dell’arpa celtica di Vincenzo Zitello, compositore e primo divulgatore e suonatore d'arpa celtica in Italia. Sarà questa l’atmosfera che accompagnerà le parole del direttore artistico di CELTICA Riccardo Taraglio durante la Cerimonia di apertura del Lago d’Arpy. VAL VENY Sin dal mattino il Bosco del Peuterey, cuore della manifestazione, sarà animato dal mercatino di artigianato celtico e da moltissime attività, conferenze, narrazioni, laboratori artigianali e ricostruzioni storiche. Nel pomeriggio avranno poi inizio i concerti, gli spettacoli e gli stages di danza: dalla musica delle montagne dei Mor Arth Pipe & Drums alle danze iralndesi dei Gen d’Ys, dalle melodie folk dal ritmo moderno dei Folkomondo ai balli animati dalle note dei Chemin de Fer. I grandi concerti serali saranno aperti dall’Ensemble Sangineto, che grazie ad esperienze maturate dalla musica classica al pop, propone arrangiamenti inconsueti di musiche popolari europee, soprattutto di stampo celtico. Le scoppiettanti danze irlandesi dei Gen d’Ys anticiperanno poi il ritorno degli attesissimi Red Hot Chilli Pipers, musicisti scozzesi di enorme talento e di fama internazionale, vincitori della celebre trasmissione della BBC Britain Got Talent. Chiuderanno i concerti serali i polacchi Shannon, la cui musica è creata da una miscela di suoni tradizionali e moderni, in grado di catturare il pubblico più variegato anche grazie alla loro energia e passione. A seguire verrà acceso il Fuoco Druidico e la festa proseguirà poi fino a tarda notte con la Veillà celtique sulle note delle session dei Chemin de Fer, i Folkomondo e degli Stramash. LA THUILE Presso la piazza di La Thuile sarà un pomeriggio all’insegna della musica con l’Ensemble Sangineto e a seguire i The Sidh & Innova Irish Dance Company, giovane ed energico binomio di musica dalle atmosfere celtiche moderne e danze irlandesi con un twist in più. COURMAYEUR Nel pomeriggio il centro di Courmayeur verrà invaso dall’energia delle cornamuse dei Red Hot Chilli Pipers e dalla musica dei polacchi Shannon. PRÉ-SAINT-DIDIER Verso sera Pré-Saint-Didier ospiterà presso le sue Terme un evento di musica e benessere sulle note dell’arpa elettrica dell’eclettico arpista argentino Athy (evento su prenotazione presso le Terme di Pré-Saint-Didier). SABATO 6 LUGLIO VAL VENY Anche Sabato 6 luglio il bosco sarà animato sin dal mattino dalle moltissime attività, conferenze, narrazioni, laboratori artigianali, ricostruzioni storiche e dal mercatino. Il buongiorno vi verrà dato dalle danzatrici mistiche del Cinghiale Bianco con la loro danza celebrativa “Il ritorno della Dea”. La musica itinerante avrà inizio nel pomeriggio con i Mor Arth Pipe & Drums, l’Ascapiss Pipeband e la Compagnia del Coniglio. Il bosco sarà inoltre vivacizzato dagli stage di danza dei Gen d’Ys e gli Escarton, dalla musica degli Stramash e i Folkomondo e dalle danze della compagnia Old Wild West. I concerti serali sul grande palco verranno aperti dall’arpa elettrica di Athy, a cui seguiranno le melodie irlandesi dei francesi Garlic Bread, con il loro misto di composizioni originali, tradizione ed energia. Saranno poi i The Sidh & Innova Irish Dance Company ad animare il pubblico insieme agli special guest Athy e Adriano & Caterina Sangineto. A seguire i travolgenti Stramash anticiperanno il momento clou del festival, in cui tutti gli artisti saliranno sul palco per intonare insieme Greenlands, l’inno delle nazioni celtiche. I festeggiamenti proseguiranno poi come di consueto nella zona Pub con le sessions della Veillà celtique. COURMAYEUR La musica di Athy e degli Shannon animerà le vie e le piazze di Courmayeur. PRÉ-SAINT-DIDIER Pré-Saint-Didier ospiterà la seconda edizione di Ollafest, evento dedicato alla scoperta delle bevande dei Celti (Sidro, Idromele, Cervogia, Birra artigianale e Distillati), attraverso spiegazioni ed esperienze gustative. L’evento è in collaborazione con l’Institut Agricole Regional, l’Associazione Degustatori Birra – Birre artigianali italiane, B63 Birrificio Artigianale Brasseria, Birrificio Aosta, Idromele Apicoltura Barbiero, Maley – Cidre au coeur des Alpes e lAzienda Agricola Tognan Erik. Pré-Saint-Didier verrà inoltre incantata dalla dolce musica degli arpisti di Alpid’Arpa - Suoni E Colori Dell’arpa Celtica, evento anch’esso alla sua seconda edizione in cui si esibiranno: Anne-Gaelle Cuif, Ensemble Sangineto, Pendragon, Pauline Fazzioli e che sarà arricchito dall’esposizione di arpe celtiche di Andrea Novella. Ad animare la Piazza del paese ci penserà l’allegria della musica dei Garlic Bread e delle danze irlandesi delle Innova Irish Dance Company. DOMENICA 7 LUGLIO VAL VENY Domenica 7 luglio troverete un energetico risveglio celtico presso il campo del Clan della Grande Orsa con miele e pane nero valdostani, avrete poi così la giusta carica per dedicarvi alle molte attività, stage e conferenze che vi aspettano nel bosco insieme alle note della musica itinerante dei Pendragon e gli Ascapiss Pipeband. La musica tra gli alberi del bosco proseguirà poi con i concerti di Vincenzo Zitello, Folkomondo, Athy, dell’arpista Anne-Gaelle Cuif e degli Aosta Free Moves, che hanno reinterpretato in chiave celtica il loro dinamico mix tra i diversi stili di danza da strada. A seguire la danza celebrativa “Il ritorno della Dea” con le danzatrici del Cinghiale Bianco. Nel primo pomeriggio il Clan della Grande Orsa e la musica di Vincenzo Zitello vi aspettano in zona Menhir per il Grande Cerchio di CELTICA Valle d’Aosta e la Cerimonia dei saluti. Il bosco verrà poi movimentato dai balli della compagnia Old Wild West, la musica degli Shannon e le danze dei Gen d’Ys. La giornata si concluderà con i concerti serali della Veilla Celtique con i Bodh’Aktan e gli Stramash. MORGEX Nel pomeriggio Morgex ospiterà un’originale ‘Concerto a piedi nudi’, sulle note dell’Ensemble Sangineto potrete provare un percorso di Barefooting. Si tratta di un percorso a libero accesso dove bisogna camminare a piedi nudi su svariati tipi di terreno: erba, muschio, sabbia, acqua, fango, ghiaia, foglie, fieno, solo per citarne alcuni. BARD Nel pomeriggio Celtica si trasferirà anche a Bard dove la musica itinerante dei Pendragon e dell’Ascapiss Pipeband riempirà il suo Borgo. La giornata si concluderà sotto le stelle nella piazza del Forte con i concerti degli Aosta Free Moves e dei The Sidh & Innova Irish Dance Company. EVENTI SPECIALI Sabato 6 luglio Pré-Saint-Didier ospiterà la seconda edizione di Ollafest, evento dedicato alla scoperta delle bevande dei Celti (Sidro, Idromele, Cervogia, Birra artigianale e Distillati) e Alpid’Arpa - Suoni E Colori Dell’arpa Celtica, evento anch’esso alla sua seconda edizione in cui si esibiranno arpisti italiani ed europei. Domenica 7 luglio Morgex ospiterà un’originale ‘Concerto a piedi nudi’ all’interno di un percorso di Barefooting sulle note dell’Ensemble Sangineto. Si tratta di un percorso a libero accesso dove bisogna camminare a piedi nudi su svariati tipi di terreno: erba, muschio, sabbia, acqua, fango, ghiaia, foglie, fieno, solo per citarne alcuni. La scelta di creare un percorso di questo tipo deriva da due motivazioni principali: la prima è che questa attività si pone in piena sintonia con il rispetto per l’ambiente naturale e la seconda è che camminare scalzi fa bene alla salute: il contatto con il suolo e con gli elementi della natura induce una salutare distensione e svolge un piacevole massaggio plantare. Inoltre la camminata a piedi nudi rinforza la muscolatura delle gambe e favorisce la circolazione sanguigna. Il tipo di tracciato, particolari accorgimenti tecnici e la predisposizione di alcuni cartelli in alfabeto Braille fanno sì che anche le persone non vedenti o ipovedenti possano vivere questa esperienza e provare il percorso. CONFERENZE CULTURALI Conferenze di studiosi porteranno l’attenzione sui ritrovamenti archeologici e sulle evidenze documentali delle presenze celtiche nei territori interessati e si forniranno informazioni circa l’ubicazioni di musei e cantieri aperti da visitare, riportando in tal modo la storia antica in contatto con la popolazione moderna. Alcune conferenze affronteranno poi temi storici mentre altre riguarderanno riflessioni moderne sul druidismo come filosofia di vita in armonia con la natura, a cui si ispirano anche l’arte e la conoscenza. ANIMAZIONI E ATTIVITA’ Tra un concerto e l’altro avrete la possibilità di partecipare a moltissime animazioni ed attività. Potrete trovare il giusto equilibrio con lo Y-ogam, la pratica di yoga celtico ed essere così pronti e pimpanti per buttarvi nel ritmo delle danze celtiche. Potrete scoprire il rapporto tra i celti e la femminilità, imparerete a modellare gioielli in cera o vi addestrerete alle tecniche di combattimento con la spada acquitana e sarete coinvolti in molte altre attività. RICOSTRUZIONI STORICHE Figuranti in costume storico rigorosamente attinente alle forme e colori dell’antichità, con strumenti d’epoca ricostruiti, daranno vita a momenti di vita quotidiana, spiegando ai partecipanti le tecniche artistiche e tecnologiche, le conoscenze pratiche e filosofiche, la struttura sociale e l’organizzazione territoriale delle popolazioni celtiche. Nell’area dedicata ai campi di ricostruzione storica verranno infatti svolte moltissime attività e dimostrazioni, dalla fusione e battitura di antiche monete al lancio delle scure alla tessitura con il metodo delle tavolette. Saranno presenti anche un tavolo espositivo didattico di ferri chirurgici e medicine dei Celti ed una cucina tradizionale celtica con assaggi. Imparerete a suonare il corno o vi farete decorare il viso ed il corpo con motivi celtici e di war painting. ATTIVITÀ PER BAMBINI Sono molte le sorprese che aspettano i bambini: avranno la possibilità di conoscere la storia dei Celti attraverso i disegni , di imparare a riconoscere le impronte degli animali, di scoprire i segreti degli uccellini e di partecipare ai vari laboratori e alle attività creative. Potranno decorarsi il viso ed il corpo come i veri guerrieri celtici e cimentarsi in stage di scherma arcaica, combattimenti con spade di gomma e scudi di cartapesta e in giochi di forza e abilità. Verranno addestrati nel lancio della trottola e nel suono del corno, volteggeranno al ritmo delle danze celtiche tradizionali. La partecipazione agli stage è gratuita (salvo diversa indicazione) tuttavia, secondo il principio celtico dello scambio onorevole potete lasciare una libera offerta direttamente agli artisti e agli artigiani che insegnano la loro arte Celtica è stata ideata come evento multidisciplinare inserito in un magnifico contesto storico e naturale, si compone infatti di più momenti affinché il risultato finale sia un’armonica esperienza che stimoli tutti i sensi dei partecipanti, affinché i simboli del passato accarezzino le corde della memoria e si proiettino creativamente nel futuro salvaguardando la bellezza dell’antichità in ogni sua manifestazione.

Archivio News
[ 22/08/2013 ] KATIA RICCIARELLI A TORGNON PER LA II EDIZIONE DI MASTER ...
[ 04/07/2013 ] EVENTO CELTICA 2013 TANTI GLI APPUNTAMENTI
[ 04/07/2013 ] 17° EDIZIONE CELTICA 2013
[ 27/05/2013 ] RISULTATI ELEZIONI REGIONALI 2013 DELLA REGIONE AUTONOMA ...
[ 27/05/2013 ] REGIONE AUTONOMA VALLE D’AOSTA ELEZIONE 2013 GLI ELETTI
[ 27/05/2013 ] ELEZIONI REGIONALI 2013 ASSEGNAZIONE UFFICIALE DEI SEGGI
[ 27/05/2013 ] ELEZIONI DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D’AOSTA 2013 GLI ...
[ 27/05/2013 ] La composizione del CONSIGLIO DELLA REGIONE AUTONOMNA ...
[ 29/03/2013 ] APRILE, MESE PER LA SALUTE DELLE OSSA
[ 22/03/2013 ] I PRINCIPALI PROVVEDIMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE DEL 22 ...
[ 17/02/2013 ] REGIONE I PRINCIPALI PROVVEDIMENTI DELLA GIUNTA del 15 ...
[ 18/01/2013 ] I PRINCIPALI PROVVEDIMENTI DELLA GIUNTA del 18 gennaio ...
[ 11/01/2013 ] I PRINCIPALI PROVVEDIMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE del 13 ...
[ 07/12/2012 ] AOSTA. I PROVVEDIMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE
[ 07/12/2012 ] MOSTRA MERCATO DI NATALE 2012 AD AOSTA
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 |    
Home   |   News   |   Enti   |   Comunità Montane   |   Comuni   |   Eventi   |   Pubblicazioni   |   Rassegna Stampa   |   WebTV   |   Partners   |   Chi Siamo   |   Servizi   |   Contatti
©2018 Infovallée - Reg. Trib di Aosta N°5227 - 011/1988 Dir. Testata Dario Bordet - Le Roy S.r.l P.iva 01064110073 - Credits